Il Giro Del Mondo in 80 Cocktails – Italia e Inghilterra

il_giro_del_mondo_in_80_cocktails_fabio_camboni_due

Il giro del mondo in 80 Cocktails… SI PARTE!

La prima tappa non poteva iniziare dall’Italia per poi sbarcare in Inghilterra.

La storia di due compagni di avventura, il fascino di un viaggio senza tempo, tra le terre del mondo, dove i sapori della cucina si amalgamano in una perfetta simbiosi con l’alchimia del bar, dove le spezie i profumi e i colori accompagneranno i vostri sensi, tra le epoche storiche del bere miscelato! Durante il nostro viaggio, suddiviso in tappe, non mancheranno incontri straordinari, con amici del settore, che troveremo sul nostro cammino. Le serate, che avranno luogo a Kasa Incanto, vogliono regalarvi un’avventura alla conoscenza di luoghi attraverso i sapori…

 

La storia

Era una notte fredda e piovosa quella in cui il signor Cecil e il suo inseparabile maggiordomo Pat avrebbero incontrato il destino!

Un incontro che ha cambiato per sempre le loro vite… Londra non era più quella florida città che aveva conosciuto i suoi splendori durante il regno della Regina Vittoria. Quello che un tempo fu l’impero più grande della storia moderna era ormai in disfacimento. La povertà e la corruzione divennero le facce di una medaglia di cui più nessuno andava fiero.

Per le strade di Londra imperversava la Gin Craze, una peste sconosciuta il cui unico sintomo era il delirio della gente. Quella notte il signor Cecil e il suo buon amico Pat erano stati come ogni sera nella Ale House della città vecchia, dove il buon Fred (l’oste della locanda), aveva preparato per loro una quantità incalcolabile di Purl e Braggot.
Il risultato fu che uscirono a cavalcioni e Mr Cecil, come sempre quando era sbronzo, dava di matto contro il maggiordomo Pat per aver perso l’atto di cessione della villa nobiliare che la sua vecchia zia, ormai passata a miglior vita, aveva deciso di regalargli. Per colpa della leggerezza di Pat erano finiti nel dormitorio per poveri della città vecchia. Senza l’atto di cessione, gli altri parenti mai avrebbero ceduto la casa a Mr Cecil, pretendendo anch’essi l’eredità dell’anziana donna ormai scomparsa.

Partì una colluttazione tra i due, e tra spintoni e calci finirono per sfondare la porta della vecchia biblioteca della città, sprofondando giù per le scale nel buio di quel posto dimenticato dagli uomini. Quando ripresero conoscenza Mr Cecil si accorse che un libro era aperto sul suo volto impedendogli di respirare bene, lo tolse e accese il candelabro che vide avere vicino i suoi piedi. Riprese nuovamente il libro per leggerne il titolo: “Il giro del mondo in 80 giorni”

 

Il Menù

Non c’è inizio migliore per un buon inglese che con la sua colazione.

Per il signor Cecil e il suo inseparabile compagno di avventure Pat abbiamo riadattato la tradizione del pasto mattutino degli “abitanti di sua maestà” con un classico senza tempo della miscelazione moderna: il Bloody Mary. Signori e Signore si inizia con:

THE ENGLISH BREAKFAST

Scotch infuso con bacon arrosto, barbecue bitter, succo di limone, succo di tomato homemade, chilli misture, cialda croccante.

 

La storia narra che il signor Pimm’s fece fortuna aprendo un chiosco di ostriche nel centro della city di Londra, ma il lascito più grande fu l’invenzione del tonico digestivo con cui deliziava i suoi ospiti a fine pasto. Signor Cecil noi lo abbiamo riadattato in suo onore e nelle ostriche ci abbiamo lasciato la perle, sicuri di farle cosa gradita…

 

LE PERLE DI PIMM’S

Il Pimm’s di Kasa, servito con ostriche e perle di whisky.

 

La Duchessa di Bedford in estate era solita incontrarsi con delle amiche nel pomeriggio per sorseggiare del buon tè affiancandoci qualche biscottp. Inconsapevolmente creò un rituale magico che contraddistingue ancora oggi le abitudini di una terra. Signor Cecil non si affanni l’ora del Tè è arrivata…

 

BEDFORD

Cognac, rum mix, flap jack sherbet, tè verde.

 

Inutile scrivere del superfluo, il nome di questo altro grande classico del bere miscelato parla da solo. London calling and Bobby is burnin’…

 

BOBBY BURNS

Carpano antica formula, scotch whisky, herbal mix.

 

Quale bartender oggi non vorrebbe tornare indietro nel tempo e sedersi al banco del Savoy bar per bere un martini dalle mani del signor Harry Craddok. Purtroppo non possiamo viaggiare nel tempo, ma il signor Cecil e Pat non hanno smesso di sognare. Hey Mr Craddok give me my Martini please…

 

HENRINI CRADDOCK

Tanqueray gin, dry house vermouth, caramel perls.

 

La Scozia è terra di boschi, elfi, fate e whisky. Noi vogliamo omaggiarla così: ricordando un elfo guerriero di nome Tam Lin che si liberò dalla schiavitù magica impostagli dalle fate grazie all’amore di una ragazza…

 

TAM LIN

Scotch whisky infuso all’avena, drambuie, forest mix, miele d’erica, succo di limone e wild herbal ginger beer

 

Mr Cecil e il suo inseparabile maggiordomo Pat non potevano partire per l’Italia senza prima essere passati da Galway,terra natale della madre del signor Cecil. Ad accogliergli ci penseranno vecchi amici: il whiskey e quella squisita birra nera simbolo di questa terra.

 

THE GALLOWAY

Irish whiskey, single malt, tintura di castagne e caffè, malto d’orzo, cocchi amaro, stout beer.

 

L’arrivo in Italia dei nostri due viaggiatori non poteva che essere salutato col nostro distillato nazionale per eccellenza. Signori e signore sua maestà “Vinaccia”…

 

SAN MARTINO

Grappa Nardini, citrus juice, angostura bitter, sciroppo di camomilla e gilko, sambuco.

 

Immaginatevi Firenze, il Caffè Casoni come era ai tempi del nostro glorioso Fosco Scarselli. Immaginatevi un conte che dal sodalizio con il suo bartender di fiducia danno vita ad una pietra miliare della miscelazione mondiale. Prego Mr Cecil si sieda e ordini il suo “Negroni”, da noi rigorosamente servito alla maniera del conte.

 

OLIO DEL CONTE

Vermouth carpano classico, Bitter fred jerbis, gin alle olive, bread.

 

Il dottor Ippocrate non fece altro che mescere l’artemisia in del vino per ricavarne un tonico, questo passo alla storia tra gli antichi come “ippocrasso”. Danilo ha fatto più o meno la stessa cosa ma non sappiamo ancora se il suo intruglio conoscerà la fama e la fortuna come quello del dottor Ippocrate. Solo i posteri potranno dirlo…

 

IPPOGRASSO

Il vino dell’antico impero romano.

 

I vecchi lo conoscevano come “sidro di fuoco”. Per lei Mr Cecil il nome è quello del traghettatore dell’inferno…

 

CARONTE

Strega, Galliano, Campari, succo di limone, zucchero e peperoncini ripieni.

 

Gli arabi chiamavano una mistura di acqua, zucchero, menta e spezie “julab”. Grazie a zio Jerry anche i bartender oggi lo preparano col nome di julep. Ecco a lei Mr Cecil la versione di Kasa nostra.

 

KASA VINACCIA

Brandy italiano, zenzero, zucchero, Chambord, prosecco, succo di limone, menta fresca.

Fabio_camboni_il_giro_del_mondo

Fabio_camboni_il_giro_del_mondo_in_80_cocktail

bedford giro del mondo in 80 cocktails fabio_camboni

 

the_english_breakfast giro del mondo in 80 cocktails fabio_camboni

 Il_giro_del_mondo_in_80_cocktails_ita_eng_fabio_camboni (1)

 

 

Translate »