La PINA COLADA…. il sole dei Caraibi

Pina_Colada_caraibi_fabio_camboni_drink_positive_cocktail

La Pina Colada

Rictta IBA

Longdrink

  • 30 ml White Rum
  • 90 ml Pineapple juice
  • 30 ml Coconut cream

Blend all the ingredients with ice in a electric blender, pour into a large goblet or Hurricane glass and serve with straws.
Garnish with a slice of pineapple with a cocktail cherry.

“Piña Colada”

vecchia ricetta

  • A cup of shaved ice
  • 4 ounces pineapple juice
  • 1,5 ounces white rum
  • 2 ounces coconut cream

Combine all ingredients in a shaker.

Shake well.

Strain the mixture into a frozen 14 ounce Collins glass. Then shaved ice directly from the shaker. Garnish with a chunk of fresh pineapple.

inizialmente questo drink veniva preparato nello shaker per poi passare ad una preparazione differente con l’avvento del Blender.

la pina colada caraibi_fabio_camboni_drink_positive_cocktail_uno

Curiosità

Quando si ha in mano una Pina Colada, è inevitabile viaggiare con la mente, sognare di stare ai tropici, con il sole che scalda la pelle e la musica che  tocca il cuore… La Pina Colada è l’unione di questi ingredienti con quel pizzico di sapori del luogo.

Le terre che circondano questo drink sono piene di leggendari pirati e proprio uno di questi, detto il “Robin Hood” di Portorico, sarebbe, secondo leggenda,  il primo ideatore di questa ricetta. Robert Cofresi detto El Pirata Cofresi di Cabo Rojo, per alleggerire le giornate e mantenere il suo equipaggio con il morale alto, offriva una bevanda fatta con cocco, ananas e rum. Questa bella storia  però,  rimane solo leggenda perché non si hanno documenti ad attestare questa teoria.

Altre tracce storiche ci portano nel 1905, tra le pagine della “Standard guide to Cuba” di Foster & Reynolds Co., dove viene mensionata la “Pina Fria”, un mix rinfrescante fatto con soli prodotti del luogo (ananas, zucchero e ghiaccio). Questo mix nel tempo sarà la base evolutiva della Pina Colada, infatti, la seconda traccia la si trova nel nel libro “Trader Vic’s Bartender’s Guide – Revised” del 1972 dove troviamo scritto “Pino Frio – (with Rum)”: succo d’ananas, succo di limone, sciroppo di zucchero e in aggiunta alla ricetta, del rum. Solo nel 1950 il New York Times parla di una ricetta a base rum, ananas e latte di cocco, chiamata Pina Colada de Cuba.

Mentre per assaggiare la ricetta che noi tutti conosciamo oggi,  bisogna fare a zig e zag tra alcuni barman, come Ramon ”Monchito” Marrero Perez che dichiarava di aver creato questo drink al “Beachcomber Bar del Caribe Hilton Hotel” nel 1954; oppure credere al barman Ramon Portas Mingot, che nel 1963 presso il ristorante “La Barrachina” di San Juan, preparò per la prima volta questo mix tropicale.

La “Piña Colada”, nel 1978, fù proclamata  bevanda nazionale di Porto Rico

dal governatore Rafael Hernández Colón

 

la pina colada caraibi_fabio_camboni_drink_positive_cocktail

Translate »